Bonus carburante ai dipendenti: quanto e quando spetta

Il Decreto Ucraina prevede il bonus carburante ai dipendenti nell’ambito delle misure urgenti per contrastare gli effetti economici e umanitari della crisi bellica.

bonus carburante

Bonus carburante ai dipendenti

Il Bonus carburante costituisce un benefit che l’azienda mette a disposizione dei dipendenti, che possono utilizzarlo per fare rifornimento anche all’auto di proprietà se non disposto  diversamente dall’azienda.

Il Decreto Legge n. 21 del 2022 c.d. Decreto Ucraina prevede all’art. 2 il Bonus carburante per i dipendenti.

Per l’anno 2022 infatti, l’importo del  valore  di  buoni  benzina  o analoghi titoli ceduti  a  titolo  gratuito  da  aziende  private  ai lavoratori dipendenti, ma non ai collaboratori ed amministratori  per l’acquisto di  carburanti e non concorre alla formazione del  reddito.

Il limite previsto è pari ad € 200,00. L’erogazione dei buoni dovrà avvenire entro il 31 dicembre del 2022, ma potranno essere utilizzati anche successivamente.

Il bonus si ottiene senza limite ISEE e senza giustificativi  e si affianca all’esenzione IRPEF prevista dal TUIR pari ad € 258,23.

In quest’ultimo caso l’art. 51 co. 3 del T.U. 917/1986, richiamato anche dal Decreto Ucraina  prevede che non concorre a formare il reddito il valore dei beni ceduti e dei servizi prestati se complessivamente di importo non superiore nel periodo d’imposta a lire 500.000 (ndr € 258,23) ; se il predetto valore  superiore al citato limite, lo stesso concorre interamente a formare il reddito”

Costituendo pertanto due limiti autonomi, fino al 31 dicembre 2022 le aziende potranno usufruire  sia di  € 200,00 previsti dal Bonus carburante sia di  € 258,23 , limite previsto per l’esenzione Irpef dal TUIR .

Tali importi non costituiscono imponibile a fini contributivi e a fini fiscali.

I costi sostenuti dall’azienda per l’acquisto dei buoni carburante, così come per l’acquisto dei buoni pasto, si devono ritenere completamente deducibili, non rientrando nella previsione dell’art. 51 comma 2 Tuir.