Sanzioni alla Russia: qual è il fondamento giuridico

Le sanzioni alla Russia comminate in ambito internazionale trovano il loro fondamento giuridico nella Carta delle Nazioni Unite e nei Trattati istitutivo dell’Unione Europea e sul funzionamento dell’Unione Europea.

La Carta delle Nazioni Unite firmata da 51 membri originari ed adottata a San Francisco il 26 giugno del 1945 è stata ratificata dall’Italia il 25 settembre del 1957.

Sanzioni alla Russia

La Carta delle Nazioni Unite: le sanzioni dell’ONU

Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite può agire rispetto alle minacce alla pace , alle violazioni della pace ed agli atti di aggressione ai sensi del Capitolo VII della Carta delle Nazioni Unite.

In base all’art. 39 della Carta, il Consiglio di Sicurezza se accerta l’esistenza di una minaccia alla pace, di una violazione della pace, o di un atto di aggressione, fa raccomandazione o decide quali misure debbano essere prese in conformità agli articoli 41 e 42 per mantenere o ristabilire la pace e la sicurezza internazionale.

Il Consiglio di Sicurezza può decidere quali misure, non implicanti l’impiego della forza armata, debbano essere adottate per dare effetto alle sue decisioni, e può invitare i membri delle Nazioni Unite ad applicare tali misure.

Queste possono comprendere un’interruzione totale o parziale delle relazioni economiche e delle comunicazioni ferroviarie, marittime, aeree, postali, telegrafiche, radio ed altre, e la rottura delle relazioni diplomatiche.

Le sanzioni comminate nel corso del tempo dal Consiglio di sicurezza sono consistite in sanzioni economiche e commerciali o anche in embarghi sulle armi, divieti di viaggio e restrizioni finanziarie o sulle materie prime.

Le sanzioni sono state utilizzate per limitare il terrorismo, proteggere i diritti umani e promuovere la non proliferazione del nucleare.

I trattati istitutivi dell’Unione Europea e sul funzionamento dell’Unione Europea ed i Regolamenti

L’Unione Europea a sua volta può applicare misure supplementari anche al fine di rafforzare le sanzioni ONU.

Le sanzioni sono misure preventive che consentono all’UE di rispondere rapidamente a sfide e sviluppi politici contrari ai suoi obiettivi e valori.

Con riferimento alla Russia l’Unione Europea ha deciso, con Regolamenti sulla base dell’art. 215 del Trattato sul funzionamento dell’UE , sanzioni di carattere personale nei confronti di oligarchi e membri della DUMA, persone fisiche e giuridiche individuate, sanzioni finanziarie e territoriali tese ad impedire l’accesso alla Russia al mercato dei capitali UE.