Le sorti dell’ipoteca iscritta dopo il pignoramento

L’ipoteca iscritta dopo la trascrizione del pignoramento non crea effetti sulla procedura in fase di distribuzione del ricavato

L’art. 2916 c.c. disciplina gli effetti delle iscrizioni e trascrizioni su un immobile successivamente alla trascrizione del pignoramento.

Il suddetto articolo sancisce che “nella distribuzione della somma ricavata dall’esecuzione non si tiene conto: 1) delle ipoteche, anche se giudiziali, iscritte dopo il pignoramento; 2) dei privilegi per la cui efficacia è necessaria l’iscrizione; se questa ha luogo dopo il pignoramento; 3) dei privilegi per crediti sorti dopo il pignoramento“.

Rispetto all’ipoteca ed ai privilegi costituiti dopo il pignoramento, l’articolo in esame non parla di inefficacia nei confronti del creditore procedente o degli inter­venienti ma di irrilevanza delle garanzie stesse nella distribuzione della somma ricavata dalla esecuzione. Non è il caso di indagare qui la portata di questa formulazione, che pare del resto giustificata di ciò che l’efficacia dell’ipoteca come del privilegio si manifesta quale causa di prelazione, e quindi in sede di distribuzione del ricavo della vendita forzata.

Questo perchè con la trascrizione del pignoramento viene “congelato” il ventennio dell’immobile, tanto che eventuali ipoteche iscritte successivamente non potranno essere cancellate dal Giudice dell’Esecuzione in sede di emissione del decreto di trasfermento a seguito dell’aggiudicazione dell’immobile.

Anche in caso di fallimento e di conseguente improcedibilità dell’azione esecutiva a seguito dell’apertura della procedura concorsuale, l’ipoteca iscritta dopo il pignoramento non è opponibile al curatore fallimentare.

LEGGI ANCHE: Asta, ipoteca e decreto di trasferimento: gli effetti sono immediati

A tal proposito, la Corte di Cassazione, con ordinanza n. 21758 del 04/12/2012, si è così pronunciata in materia di ammissione al passivo in via privilegiata relativamente alla richiesta di riconoscimento di una ipoteca iscritta dopo la trascrizione del pignoramento.