Asini: attenzione, è reato non tagliare le unghie agli Asini

Asini: se non si tagliano le unghie agli Asini si può incorrere nel reato di maltrattamenti

Questione

Tutti gli animali hanno bisogno di cure, anche gli Asini.

Come avviene per i cani, che non hanno a disposizione un ambiente adeguato che consenta loro di “limare” naturalmente le unghie scavando il terreno, anche gli Asini posso avere bisogno della cura dello zoccolo.

Certamente, la prestazione del maniscalco, detto anche “pareggiatore”, avrà un costo superiore al taglio delle unghie di un cane, richiedendo una la limatura dello zoccolo particolare ed attenta.

Generalmente, per gli asini, oltre alle accortezze quotidiane, come la pulizia dello zoccolo e la disponibilità di un suolo asciutto, è consigliato l’intervento del pareggiatore ogni sei, massimo dieci settimane.

Non può essere quindi tollerato che un allevatore, al solo fine di risparmiare, consenta che gli Asini di sua proprietà subiscano delle sofferenze a causa della crescita dello zoccolo.

La sentenza

La vicenda che è giunta in Cassazione riguarda il titolare di alcune aziende agricole i cui animali venivano sottoposti ad un controllo durante un trasporto.

All’esito del controllo era stato riscontrato che 12 asini avevano “evidenti difficoltà di deambulazione per le unghie eccessivamente lunghe, che necessitavano di cure di maniscalco”.

Addirittura, un asino non era in grado di reggersi in piedi.

LEGGI ANCHE: Gallina in gabbia esposta in una mostra: è arte o reato?

“L’eccessiva lunghezza delle unghie, rendendo difficoltosa per l’animale anche la semplice deambulazione, dovendosi muovere su un terreno che non è piano come quello dell’alpeggio, lo costringe a posture innaturali che, peraltro, incidono sul requisito essenziale della stabilità, assicurata, nei quadrupedi, dalla particolare sequenza dei movimenti delle zampe e non può dirsi che una simile condizione sia solo innaturale e non anche produttiva di gravi sofferenze”.

La Corte ha quindi confermato con la sentenza n. 14734/19 la condanna dell’imputato per il reato di abbandono ex art. 727 codice penale.