Estinzione anticipata del mutuo: quali sono le spese da sostenere

In caso di estinzione anticipata del mutuo ci sono delle spese da sostenere che variano in base alla tipologia del contratto stipulato

La Banca può prevedere una commissione da corrispondere nel caso in cui si voglia estinguere il mutuo prima della sua scadenza naturale, di solito prevista nella misura dall’1% al 3% rispetto al capitale residuo.

Tale commissione è equiparabile ad una sorta di “penale” applicata dalla Banca quale compensazione per la perdita derivante dalla mancata corresponsione degli interessi previste per le rate future, i quali non saranno poi più dovuti proprio per l’effetto dell’estinzione anticipata dell’obbligazione.

La Legge Bersani, per i mutui a decorrere dal 02 febbraio 2007 ha previsto la nullità di questa clausola per i mutui stipulati da decorrere da quella data solamente a determinate condizioni.

Dunque, ai sensi della Legge 40/2007 (legge Bersani) sono nulle e non possono essere stipulate clausole che prevedano penali, commissioni né altre prestazioni per il caso di estinzione anticipata, o di rimborso parziale anticipato, dei mutui stipulati (o accollati a seguito di frazionamento) per le seguenti finalità: “per l’acquisto o per la ristrutturazione di unità immobiliari adibite ad abitazione ovvero allo svolgimento della propria attività economica o professionale da parte di persone fisiche“.

Da ciò si evince che il beneficio è applicabile solamente a persone fisiche e solamente per l’acquisto o la ristrutturazione della prima casa oppure per l’acquisto o la ristrutturazione di immobili necessari per l’esercizio dell’attività della persona fisica o del professionista.

Sono quindi escluse dal beneficio le società.

Per i mutui stipulati in epoca precedente rispetto all’entrata in vigore della Legge Bersani invece è stata prevista la riduzione del tetto massimo della percentuale da richiedere in caso di estinzione anticipata.

In tale circostanza, il mutuatario può richiedere alla Banca di abbassare la commissione, con limiti diversi rispetto al tasso applicato (fisso o variabile).