Raul Bova a processo contro colui che rischiò di investire Rocio

Brutta vicenda che interessa l’attore romano. Ormai quasi due anni fa un battibecco acceso con un automobilista che avrebbe rischiato di investire la sua compagna e alla quale l’attore, a seguito dell’episodio, avrebbe dato addirittura un pugno.

La vicenda processuale si apre ufficialmente dopo le indagini. A dover subire il processo c’è sia Bova che lo stesso automobilista, accusato di aver quasi investito la Morales.

I fatti

Alla procura di Roma il compito di ricostruire la vicenda: secondo i giudici, l’attore si trovava insieme alla Morales davanti al mercato di via Amiterno, nel quartiere San Giovanni. Erano circa le 13 e la coppia aveva da poco lasciato il ristorante I Vitelloni. I due si trovavano a pranzo con la sorella del noto attore, e tutti e tre stavano per salire a bordo della loro vettura, quando una Ford Fiesta è sbucata dal nulla, tentando una manovra prepotente, il parcheggio vicino alla loro vettura, che avrebbe sfiorato Rocio Morales e scatenato l’ira di Raoul Bova.

La denuncia dell’automobilista contro Bova

A questo punto l’automobilista riferisce che Bova sarebbe andato su tutte le furie, iniziando a inveire contro di lui. A seguito dei toni accesi l’attore lo avrebbe tirato fuori dalla macchina e in seguito lo avrebbe colpito con un pugno alla spalla. Secondo la ricostruzione di parte dell’uomo che avrebbe ricevuto il pugno, Bova lo avrebbe addirittura “minacciato” con parole grosse che tra i due sarebbero volate.

LEGGI ANCHE:Il reato di sfregio: quando l’aggressione mira ad “uccidere” l’identità

Il processo

A un anno e mezzo di distanza, si è aperto il procedimento penale e Raoul Bova dovrà rispondere delle accuse di violenza privata, minacce e lesioni. L’automobilista si è infatti costituito parte offesa per le percosse subite da Bova. Nello stesso processo, Rocio Morales, si è costituita parte civile per essere stata quasi travolta dall’automobilista, asserendo che sia stata proprio la minaccia di pericolo imminente provocata dall’uomo ad aver scatenato la reazione di difesa da parte del compagno.