Fotovoltaico su pergolato: adempimenti e contestazioni

Fotovoltaico su pergolato: quali sono le caratteristiche che lo rendono incontestabile dal Comune secondo il TAR

L’impianto

Gli impianti fotovoltaici domestici e in genere di piccole dimensioni sono ormai una realtà diffusa.

Il loro vantaggio in termini economici per chi li installa e ne usufruisce è indiscutibile.

Per la realizzazione di piccoli impianti fotovoltaici che non coinvolgono parti strutturali di edifici è sufficiente la CILA.

La CILA, Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata, un titolo abilitativo per l’edilizia introdotta con la legge 73 del 2010 che modifica l’articolo 6 Dpr 380/01, cioè il Testo Unico dell’Edilizia.

La CILA è obbligatoria per interventi di manutenzione straordinaria che però non coinvolgono le parti strutturali dell’edificio, quindi interventi manutenzione straordinaria leggera, interventi di restauro, interventi di risanamento conservativo, interventi di rimozione delle barriere architettoniche che non alterano la sagoma dell’edificio, interventi residuali non riconducibili all’elenco di cui all’articolo 6, 10 e 22 del D.P.R. n. 380/2001.

Anche quando si realizza un impianto fotovoltaico su pergolato è necessaria la CILA, tuttavia, affinché l’opera sia regolare e non venga contestata dal Comune, che potrebbe disporne la rimozione, è necessario avere delle specifiche accortezze.

IL TAR

Con sentenza n. 9457 del 01/09/2021, il T.A.R. del Lazio (Roma) sez. II, si è occupato proprio degli adempimenti per la realizzazione dell’impianto fotovoltaico sul pergolato.

LEGGI ANCHE: L’impianto fotovoltaico sul tetto può essere pignorato con l’immobile

In particolare, il TAR si è occupato del ricorso proposto dalla titolare di un bar per l’annullamento dell’ordine di rimozione e/o demolizione adottato da Roma Capitale nei confronti di alcune opere realizzate e ritenute abusive, tra cui, anche un impianto fotovoltaico.

L’impianto contestato era realizzato su pergolato e svolgeva quindi funzione di sostegno, e copertura, dell’opera sottostante.

Il TAR del Lazio ha accolto il ricorso stabilendo che: È sufficiente la Cila per la realizzazione dell’impianto fotovoltaico sul pergolato, posto che l’installazione dei pannelli non trasforma il manufatto in tettoia, a condizione che sia garantita la permeabilità.